Il Bollino Verde, divenuto obbligatorio su tutto il territorio della regione Piemonte a partire dal 15 ottobre 2009, è un sistema di autocertificazione degli impianti termici e si presenta come un’etichetta adesiva – codificata con un numero unico e progressivo – da applicare sui moduli compilati dal manutentore al termine del controllo periodico della caldaia.

I controlli sugli impianti termini vengono inoltre trasmessi – come previsto dalla normativa vigente – alla Provincia di competenza in formato elettronico, al fine di realizzare un catasto degli impianti termici che contenga tutte le informazioni relative all’impianto e alla sua efficienza energetica. Il fine ultimo del sistema è naturalmente quello di avere impianti termici sicuri, che consumano meno e contemporaneamente inquinano meno.

Il Bollino Verde, gratuito sia per il cittadino che per il manutentore, deve essere rilasciato da un’impresa di manutenzione abilitata come VSD Tre Valli e compresa in uno specifico elenco regionale, al fine di garantire la professionalità degli operatori: sarà infatti lo stesso manutentore a trasmettere agli uffici provinciali i dati del rapporto di controllo tecnico provvisto del bollino verde.

Le verifiche del rendimento di combustione e l’apposizione obbligatoria del bollino verde devono essere realizzate rispettivamente ogni 4 anni per gli impianti di potenza inferiore a 35 kW (caldaie autonome) e ogni 2 anni per gli impianti di potenza uguale e superiore a 35 kW (ad esempio centralizzati). Si tenga in considerazione che la mancata apposizione del bollino verde o l’eventuale prova di rendimento di combustione ad opera di una ditta di manutenzione non inserita nell’elenco regionale delle imprese abilitate comporterà una sanzione a carico del cittadino.